Annotazione a bordo pagina.

coltelloLeggo sul blog di Stefano Pasquinucci, un commento efficacissimo, come sempre, di Riccardo Mazzoni, sullamore ed il sesso, che contiene questa frase.

"Amore è il fatto che tu sei per me il coltello col quale frugo dentro me stesso"

La frase fu scritta da Franz Kafka in una lettera a Milena Jesenka.
Me la sono segnata, qui da una parte.

<!– –>

Annunci

10 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. tuile
    Set 09, 2007 @ 20:16:00

    Mazza che frase..il mio professore di filosofia della storia [però faceva il corso su kafka..=_=’] diceva che le lettere che Kafka ha scritto per la Jesenka sono le più belle di tutta la letteratura!:):*

    Rispondi

  2. mamikazen
    Set 09, 2007 @ 22:24:00

    Oddio, ma anche no!Domani ho l’anniversario di matrimonio, questa proprio non mi ci voleva 😉

    Rispondi

  3. riccardomazzoni
    Set 10, 2007 @ 00:04:00

    Be’, le lettere “d’amore” di Kafka sono straordinarie, com’erano straordinarie le donne alle quali erano indirizzate, Milena in particolare, perché non era facile accogliere la pregnanza e il tormento delle parole di Kafka (che erano la pregnanza e il tormento del suo essere profondo). Ricordavo un altro bellissimo passo della lettera del “coltello” – come viene a volte definita dagli studiosi kafkiani – che sono andato a ricercare: riguarda la verità e la nostalgia. Dice, a seconda delle traduzioni, più o meno così: “Soltanto la nostalgia è vera, non la si può esagerare. Ma perfino la verità della nostalgia non è tanto la sua verità quanto piuttosto l’espressione della menzogna di tutto il resto”. Non era proprio facile amare Kafka perché lui non faceva nulla per farsi amare… Riccardo

    Rispondi

  4. PV64
    Set 10, 2007 @ 12:20:00

    Bellissima frase.P.S…. son tornato pure io! Ciao :-DDD

    Rispondi

  5. SimonaC
    Set 10, 2007 @ 12:40:00

    … ed è diventato anche il titolo di un romanzo di David Grossman, Che tu sia per me il coltello.Un saluto caro 🙂

    Rispondi

  6. eclissidisole
    Set 10, 2007 @ 17:19:00

    Leggi ” Che tu sia per me il coltello ” di Grosssman….stupendo..il concetto è il medesimo e il romanzo è davvero intrigante.Baci

    Rispondi

  7. Stellabrilla
    Set 10, 2007 @ 21:37:00

    Nasce YOGURT!!!Magazine di Gastronomia, enologia, cultura… e molto altro ancora.http://www.yogurtzine.blogspot.com/

    Rispondi

  8. serendipidity
    Set 10, 2007 @ 21:44:00

    Isabellama quanto sei attiva! non vedevo nulla : ora vado a leggerti.e manifesto a favore delle massime zen di PV64…aaàaaàhh !! ààaahaaààhhh!!!

    Rispondi

  9. Aenima1
    Set 10, 2007 @ 22:56:00

    e si Isina bella frase c’è da pensare ……. senti lo chiedo anche a te non è che per caso hai del latte da darmi l’ho finito :-(((( notte anima :-))))))

    Rispondi

  10. Isa71
    Set 13, 2007 @ 18:09:00

    @tuile: mi sa che le leggerò!@mamikazen: Kafka è impegnativo, niente coltelli con Marlowe, ma tanto tanto amore lo stesso! 😉 E auguri!!@riccardomazzoni: Ric, sei insostituibile!!@PV64: bentornato!! Ci sei mancato! ;-)@SimonaC: urge scambio di pareri libreschi! Grazie della dritta! ;-)@eclissidisole: idem come sopra! :-)@Stellabrilla: considerando che lo yogurth mi piace poco e detesto i commenti-spam, cominciamo male :-/@serendipidity: mi sei mancato tantissimo e quindi ho passato il tempo a “farcire” il mio blog! 🙂 Bacioni!@Aenima1: ehm… si che ce l’ho il latte, ti apro la busta, aspè… mi scombussolerai tutti i lettori! :-)))

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Lucegrafia e dintorni

Blog di Sergio Bovi Campeggi

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

haven for us

Cazzate a go-go ~ "You're an island of tranquillity in a sea of chaos."

michil costa

les Dolomites, nosta Tera nosta Vita.

zen habits

ho sognato un gatto parlante

Becoming Minimalist

Own less. Live more. Finding minimalism in a world of consumerism.

pensieri e parole

ho sognato un gatto parlante

Soffice Lavanda

ho sognato un gatto parlante

ClioMakeUp Blog / Tutto su Trucco, Bellezza e Makeup ;)

Ciao ragazze! Se vi piacciono i miei tutorial e le mie review/recensioni qui troverete tutto quello che volete sapere sul trucco ma non avete mai osato chiedere :)

Big Picture

ho sognato un gatto parlante

PSD : Photoshop Disasters 

ho sognato un gatto parlante

Mulholland Dave

ho sognato un gatto parlante

La Finestra Sul Cortile

ho sognato un gatto parlante

Il Disinformatico

ho sognato un gatto parlante

GUY FLETCHER

ho sognato un gatto parlante

deepsurfing

Pensare nel groviglio

Vanity Nerd

si nerdeggia di cose estremamente futili

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: