Elogio del burro salato (e della lentezza).

burroSono in una fase di gravi dipendenze ed improvvisi colpi di fulmine. Dopo i cappuccini, i caffè al ginseng, le matite Caran DAche e i rossetti di Dior, adesso è il turno del burro salato sul pane tostato, accompagnato dal tè.
Ora, il tè nei pomeriggi dinverno è una delle mie dipendenze più durature, ma ho avuto questo ritorno di fiamma per il burro salato per colpa di SimonaC e dei suoi post aggraziati sui piccoli riti della vita.
Perchè alla fine, le mie folgorazioni appartengono tutte alla categoria dei piccoli riti ritagliati in mezzo alle cose da fare.
I momenti per me. Le piccole cose che sembrano quasi stravaganti per la loro aria antiquata e fuori moda. E soprattutto, per la loro necessaria lentezza.
Non si può aver fretta nel tostare il pane.
Non si può aver fretta quando si attende che il tè rilasci i suoi aromi nella tazza.
Non si può aver fretta quando si stende una maschera sul viso ascoltando il proprio cd preferito.
Non si può aver fretta quando si guarda il sole tramontare.
Non si può aver fretta quando si accarezza il volto di chi si ama.
Ecco, forse adesso la mia più grave dipendenza è quella per la lentezza, per la calma. Se procedo con calma, devo per forza escludere le sciocchezze che riempono i buchi vuoti lasciati dal continuo correre. E così restano solo le cose importanti, fatte per bene, con calma, e godute fino in fondo.
E riesco a pensare, a vedere tutto con lucidità, con chiarezza. E riesco anche a respirare correttamente, senza affanno.
Rimane un sacco di spazio per la dolcezza ed il sorriso, così. E per stendere un velo di burro salato sul pane tostato. <!– –>

Annunci

9 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. jacopinus
    Nov 20, 2007 @ 17:25:00

    Mia Cara,spero sia d’uopo la mia intromissione fra i Vostri pregevoli scritti, ma non posso esimermi dal dirVi quanto abbia apprezzato quest’ultimo, vertente sul rito del Tè di età Pomeriggio, accompagnato da invitanti tartine al burro salato.Stuzzicante almento quanto le altre argomentazioni…Ah… mi inchino!Abbiate una gradevole serata, e nel frattempo permettetemi un timido baciamano. VostroJacopo Ortis

    Rispondi

  2. rearwindow06
    Nov 20, 2007 @ 17:31:00

    Semplicemente adoro il burro salato. Ho imparato ad apprezzarlo nei miei viaggi in Nord Europa. Là infatti non c’è breakfast che si rispetti senza burro salato!!! 🙂

    Rispondi

  3. SimonaCWords
    Nov 20, 2007 @ 20:28:00

    Posso essere contenta di averti ispirato? Senza pensare alle diete? ;)))

    Rispondi

  4. dirkgently1
    Nov 21, 2007 @ 10:37:00

    La velocità del tempo credo sia in stretta connessione con l’età. Ricordo che da bambino i pomeriggi piovosi passati dietro le finestre a guardare le gocce scivolare sui vetri in attesa della tv dei ragazzi erano luuuuunghi ma luuuuuuuuuunghi. Ora è uno sforzo rallentare il tempo che non ne vuol sapere d’essere dilatato.

    Rispondi

  5. dunkelmadison
    Nov 21, 2007 @ 11:30:00

    dici bene…dici molto bene.un saluto

    Rispondi

  6. Tzugumi
    Nov 21, 2007 @ 13:49:00

    Non ho mai provato il burro salato sul pane tostato come accompagnamento del tè, di solito c’è sempre una torta alle mele fatta dalla mamma o qualche biscottino alla cannella…lo proverò e ti farò sapere 🙂

    Rispondi

  7. mamikazen
    Nov 21, 2007 @ 16:54:00

    Ah, parole sante.Vado subito a mettere sù tè e pane.Credo di avere persino il burro…

    Rispondi

  8. tuile
    Nov 22, 2007 @ 00:33:00

    Questa cosa del burro salato mi ispira..e poi se dici che insieme al Tè è buono (siccome di tè ne prendo almeno 3 tazze al giorno)..proverò!^_^[io invece vado troppo di fretta, sempre e comunque..è il mio più grande difetto..come ti invidio!

    Rispondi

  9. aleike
    Nov 28, 2007 @ 19:09:00

    Mi piace quando dici che non si puo’ avere fretta nel carezzare il viso della persona amata, e’ verissimo.Perche’ seppure a volte smanio davanti al filtro del the dentro la sua tazza di acqua bollente, e di sicuro smanio sempre quando faccio la maschera, non ho mai fretta quando i miei polpastrelli percorrono i lineamenti tanto amati e tanto conosciuti.E mai lentezza ha effetto migliore sul mio umore. Che bel post.:o)

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Lucegrafia e dintorni

Blog di Sergio Bovi Campeggi

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

haven for us

Cazzate a go-go ~ "You're an island of tranquillity in a sea of chaos."

michil costa

les Dolomites, nosta Tera nosta Vita.

zen habits

ho sognato un gatto parlante

Becoming Minimalist

Own less. Live more. Finding minimalism in a world of consumerism.

pensieri e parole

ho sognato un gatto parlante

Soffice Lavanda

ho sognato un gatto parlante

ClioMakeUp Blog / Tutto su Trucco, Bellezza e Makeup ;)

Ciao ragazze! Se vi piacciono i miei tutorial e le mie review/recensioni qui troverete tutto quello che volete sapere sul trucco ma non avete mai osato chiedere :)

Big Picture

ho sognato un gatto parlante

PSD : Photoshop Disasters 

ho sognato un gatto parlante

Mulholland Dave

ho sognato un gatto parlante

La Finestra Sul Cortile

ho sognato un gatto parlante

Il Disinformatico

ho sognato un gatto parlante

GUY FLETCHER

ho sognato un gatto parlante

deepsurfing

Pensare nel groviglio

Vanity Nerd

si nerdeggia di cose estremamente futili

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: