Di notte.

Alla fine, dopo una settimana di video, racconti, foto, telefonate, ieri sera di punto in bianco ho preso l’auto e sono andata a Viareggio. Sono andata in giro a finestrini spalancati a cercare i rumori, gli odori, di una città che amo. Sono andata a vedere finalmente la rovina e il dolore. Un dolore muto, silenzioso. Ho visto il bianco dei manifesti che annunciavano le esequie solenni.
Ho visto tante persone, sedute fuori dalla porta, fuori dai bar, silenziose.
Ho visto via Garibaldi completamente rivestita da tricolori listati a lutto.
Ho finalmente lasciato che il mio sguardo si posasse sulle pietre annerite che si sfumavano nel buio.
La passerella semidemolita, come il resto di un bombardamento. Ho lasciato che la disperazione composta dei viareggini mi contagiasse.
Poi, ho provato ad andare a far visita a quei poveri morti. Che sono anche miei morti, povera gente mia. Ma non ci sono riuscita. Dopo due giri del parcheggio, dopo un lungo momento trascorso seduta in auto, con le mani aggrappate al volante, alla fine non ci sono riuscita. Ho dovuto fare un passo indietro e tornare via. Ho incrociato lo sguardo per un attimo con un signore anziano, fermo a cavalcioni della sua bicicletta, le braccia poggiate sul manubrio e le mani giunte, che un po si guardava intorno e un po a terra, come se stesse aspettando che qualcuno gli dicesse cosa fare e come farlo, che lui non aveva più la forza di dire o fare niente.
E lì, avviandomi su per via Coppino, ho finalmente potuto lasciar andare le lacrime che in una settimana non erano ancora uscite, ho lasciato entrare il dolore e la rabbia, e mi sono chiesta perchè, com’è possibile che questa povera gente sia morta in questo modo folle. Povera gente mia, perchè?
E ora, che i funerali sono conclusi, che il lutto si scioglierà nel ritorno al quotidiano, ora è giusto chiedere. E giusto pretendere che sia detta la verità, e che chi deve pagare paghi.
Nessun silenzio mai.

Annunci

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. utente anonimo
    Lug 07, 2009 @ 23:28:00

    é così bella che sento il bisogno di metterla su facebook perchè voglio che la leggano tutti . Brava Attilio.

    Rispondi

  2. utente anonimo
    Ago 22, 2009 @ 22:22:00

    Io, invece, non sono ancora riuscita a piangere…e voglio andare via da qui, perchè non ce la faccio a uscire da casa senza guardare oltre la ferrovia…e non ce la faccio a dimenticare il piazzale di casa mia, le fiamme sopra il mio tetto, la paura sul viso del mio compagno, la disperazione negli occhi di P.C. al ritorno da via Ponchielli…e le fiamme che si abbassano sul viale Burlamacchi, e le case di là…e il dolore del mio commento…”là sono tutti morti…”…Mi è rimasto tutto nella gola, negli occhi, nelle orecchie, è diventato un malanno cronico…e lo sarà finchè rimarrà un solo “perchè!” a galleggiare nell’aria!!! Povera gente nostra, poveri noi tutti, povera umanità.Ti abbraccio, Isa.

    Rispondi

  3. utente anonimo
    Set 02, 2009 @ 17:51:00

    Hai ragione; povera gente tua. Povera gente di tutti che ora non c’é piú perché…perché…Il tuo pianto offerto a “loro” é stato piú sacro di tutte le moine convenzionali e formali. Che dirti? Il tuo é stato Amore.Ciao da un “romano de Roma de Torre del Lago”factotum.splinder

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Lucegrafia e dintorni

Blog di Sergio Bovi Campeggi

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

haven for us

Cazzate a go-go ~ "You're an island of tranquillity in a sea of chaos."

michil costa

les Dolomites, nosta Tera nosta Vita.

zen habits

ho sognato un gatto parlante

Becoming Minimalist

Own less. Live more. Finding minimalism in a world of consumerism.

pensieri e parole

ho sognato un gatto parlante

Soffice Lavanda

ho sognato un gatto parlante

ClioMakeUp Blog / Tutto su Trucco, Bellezza e Makeup ;)

Ciao ragazze! Se vi piacciono i miei tutorial e le mie review/recensioni qui troverete tutto quello che volete sapere sul trucco ma non avete mai osato chiedere :)

Big Picture

ho sognato un gatto parlante

PSD : Photoshop Disasters 

ho sognato un gatto parlante

Mulholland Dave

ho sognato un gatto parlante

La Finestra Sul Cortile

ho sognato un gatto parlante

Il Disinformatico

ho sognato un gatto parlante

GUY FLETCHER

ho sognato un gatto parlante

deepsurfing

Pensare nel groviglio

Vanity Nerd

si nerdeggia di cose estremamente futili

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: