40 anni e sentirli tutti.

hello kitty

Nella foto, Hello Kitty va al concerto dei Turbonegro.

Una bella mattina sei al lavoro, hai a fianco l’ennesima stagista che ti racconta che è nata nel 1993.

MILLENOVECENTONOVANTATRE.
Avevo ventidue anni, nel 1993. Mi ero diplomata da tre e lavoravo da oltre due. Avevo una cotta non ricambiata, guidavo l’auto, uscivo la sera facendo assai tardi. E l’ennesima stagista non era ancora nata. O se lo era, era in fasce.

Potrebbe essere mia figlia. Argh. Pensiero orribile. Ti rendi conto che nonostante gli scambi di sms e di messaggi su Whatsapp, il tempo perso a guardare i video di Clio Makeup e i jeans aderenti, non sei più una ragazzina. (Ok, le mie chiappe sono di gran lunga migliori di quelle di molte ragazzine, ma questo è un argomento che a voi non deve interessare, ok? OK!).

E’ che alla fine mi sono resa conto che la prolungata adolescenza in cui la nostra società (mi fa schifo scrivere “la-nostra-società” ma non ho sinonimi) cerca di proiettarci fino all’età di 62 anni, non me la sento più addosso. Mi è venuta una botta di maturità. No, meglio, di adultaggine. Non so se esista questo termine, ne dubito, e credo che il mio moroso scrittore inorridirà, ma tant’è, mi serviva quella parola.

E’ oggettivo: non ho più voglia di comportarmi da adolescente. Da bambina, può darsi, ma da adolescente no. Fatevi avanti, 40’s (e non fatemi notare che vi siete fatti avanti già da quasi quattro anni e io non ci avevo fatto caso).

A questo punto mi chiedo: ma le altre donne sulla quarantina dove sono? Che fanno? Stanno nascoste dentro le magliette di Hello Kitty fuori tempo massimo, vanno in discoteca, dove stanno? Perchè non scrivono, non si fanno vedere, non mostrano al mondo la loro magnificenza? C’è, soprattutto, questa magnificenza? Ricordo che a un certo punto della mia vita ho desiderato avere 40 anni, ardentemente. Pensavo che avrei potuto fare assolutamente quello che avessi voluto, senza dover rendere conto a nessuno se non a me stessa. Avrei indossato rossetti rossi al mattino, e belle giacche. Avrei comprato borse ampie per stare fuori casa tutto il giorno, avrei arredato la mia casa da persona adulta. Avrei ascoltato Paolo Conte. Molte di queste cose le faccio, alcune no (ma a Paolo Conte ci potrei arrivare, eh.).

Ma intorno a me non vedo altre persone così. Ho le mie adorabili nipotine stagiste, conosco delle cinquantenni agguerritissime, ma le mie coetanee, tolte un paio di care amiche, non sono pervenute.

Può una over 40 tenere un blog, o fa troppo adolescente? Perchè mi è venuta voglia di raccontarvela, questa quarantenne in cerca di adultaggine, e se qualcuna ha voglia di scambiare qualche idea (qualcuna o qualcuno e di ogni età, sia ben inteso) la porta è aperta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Lucegrafia e dintorni

Blog di Sergio Bovi Campeggi

agenda19892010

The value of those societies in which the capitalist mode of production prevails, present itself as "an immense accumulation of commodities", its unit being a single commodity --- Karl Marx

haven for us

Cazzate a go-go ~ "You're an island of tranquillity in a sea of chaos."

michil costa

les Dolomites, nosta Tera nosta Vita.

zen habits

ho sognato un gatto parlante

Becoming Minimalist

Own less. Live more. Finding minimalism in a world of consumerism.

pensieri e parole

ho sognato un gatto parlante

Soffice Lavanda

ho sognato un gatto parlante

ClioMakeUp Blog / Tutto su Trucco, Bellezza e Makeup ;)

Ciao ragazze! Se vi piacciono i miei tutorial e le mie review/recensioni qui troverete tutto quello che volete sapere sul trucco ma non avete mai osato chiedere :)

Big Picture

ho sognato un gatto parlante

PSD : Photoshop Disasters 

ho sognato un gatto parlante

Mulholland Dave

ho sognato un gatto parlante

La Finestra Sul Cortile

ho sognato un gatto parlante

Il Disinformatico

ho sognato un gatto parlante

GUY FLETCHER

ho sognato un gatto parlante

deepsurfing

Pensare nel groviglio

Vanity Nerd

si nerdeggia di cose estremamente futili

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: